Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).







 


 


 




 


 


 



domenica 9 ottobre 2016

Nuova Isola delle Femmine: LA SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE CONFERMA LA SENTEN...

video

















L’omicidio di Vincenzo Enea consumato, A Isola delle Femmine, per mano mafiosa il mattino dell’8 giugno 1982, è una storia tutta da ricostruire attraverso il ricordo e scriverla ,sulle pagine bianche del libro di Isola delle Femmine,) una storia da URLARE.

E’ una storia in cui TUTTi i LIBERI Cittadini di Isola delle Femmine devono sentirsi finalmente protagonisti.

E’ una storia di mafia di massoneria di speculatori, che attraverso l’uso della violenza di ricatti e di intimidazione hanno selvaggiamente aggredito il territorio e negato a tutti i Cittadini un pacifico ed armonico sviluppo economico del nostro paese.

E’ una storia che ha determinato i rapporti umani tra noi cittadini, l’ignoranza e la mancanza di consapevolezza di noi cittadini sono stati i pilastri su cui si è basata l’azione di questi criminali mafiosi-masso-speculatori.

E’ una storia che ci ha rubato le nostre coscienze

Ad OGGI la legalità la trasparenza la partecipazione a Isola delle Femmine sono ancora dei tabù, al di là di ogni proclama di propaganda-elettorale.

Non sono certo TABU’ la cultura che ancora oggi imperversa a Isola delle Femmine: la cultura della MAFIA –MASSONERIA-SPECULATORI-AFFARISTI DI OGNI RISMA.

Gli “uomini” di ieri sono gli “uomini” di oggi. Un FILO ROSSO li tiene legati almeno da oltre un trentennio. Sono sempre i soliti NON IGNOTI.

Nella tarda mattinata di oggi 6 ottobre 2016 presso la Suprema Corte di Cassazione in Roma è stata pronunciata la sentenza che conferma quella di appello del Tribunale di Palermo che condannava il boss mafioso BRUNO FRANCESCO alla pena di anni 30 per l’assasinio di Vincenzo Enea imprenditore padre di famiglia di Isola delle Femmine. Omicidio eseguito il mattino dell’8 giugno 1982.

Con la sentenza della Cassazione si conferma ciò che i famigliari hanno sempre sostenuto Vincenzo Enea è stato assassinato dalla MAFIA.

La VERITA? Giudiziaria ha fatto il suo corso.

ORA A NOI CITTADINI LA PAROLA!

"Un popolo che non si rivolta è un popolo senza dignità"

Pino Ciampolillo






LA SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE CONFERMA LA SENTENZA DI APPELLO CONDANNA A 30 ANNI PER L'OMICIDIO DI VINCENZO ENEA DEL BOSS MAFIOSO FRANCESCO BRUNO


8 GIUGNO ORE 10 Isola delle Femmine commemora Vincenzo Enea, B.B.P., Bruno Francesco, COSTA CORSARA.POMIERO, MICALIZZI, Onorato, SAMANTA COSTRUZIONI, IL FILO ROSSO,

Nessun commento:

Posta un commento